movimenti per la mente in movimento

Articoli con tag ‘cervello’

L’OTTO DELL’INFINITO, PIÙ DI UN SEMPLICE ESERCIZIO DI BRAIN GYM®

di Christian Dillinger, International Faculty Austria
Presentazione del suo intervento durante la Conferenza internazionale di Kinesiologia a Banff, Canada, Settembre 2015
traduzione: Sigrid Loos

Cristian Dillinger ha studiato scienze dello sport e del movimento all’Università di Graz, Austria. E’ istruttore di Touch for Health, docente di Hyperton X e membro della Facoltà internazionale della Educational Kinesiology Foundation per l’Austria. Nel suo studio pratica la terapia cranio-sacrale secondo Upledger, la manipolazione viscerale secondo Barral e la fisioterapia educativa (Immaginazione affettiva guidata). E’ il Presidente dell’Associazione di Kinesiologia professionale dell’Austria (OBK) e il direttore dell’Istituto Moving a Graz

L’otto dell’infinito è più di un semplice esercizio di Brain Gym

  • Il simbolo dell’infinito è un simbolo matematico
  • La lettera X si è trasformata in un nodo
  • Il punto d’incrocio di due archi
  • Una simmetrica pista di corsa giocattolo che cambia direzione facendo un’inversione verso sinistra, attraversando la propria strada per fare un inversione verso destra.
  • L’attraversamento della linea mediana visiva
  • Due anelli nuziali connessi simboleggianti il legame matrimoniale
  • Gli otto tibetani stimolano il flusso libero dell’energia
  • I lacci delle scarpe simboleggiano il sostegno nel movimento
  • Un papillon dello smoking per il ballo dell’opera
  • Un simbolo per la connessione e la collaborazione tra i due emisferi del cervello
  • Un simbolo per la connessione e la collaborazione tra i lati destro e sinistro del corpo
  • indirizza tutte le aree del cervello coinvolgendo il campo visivo completo

Molte immagini ci accompagnano (a volte in modo simbolico) quando disegniamo un otto dell’infinito. Possiamo incontrare questa forma in vari contesti, in particolare quando è implicata una connessione di due parti con l’attraversamento della linea mediana uditiva, cinestesica e visiva. Un riequilibrio kinesiologico mira alla collaborazione tra i due emisferi e i due lati del corpo; nello stesso tempo si focalizza sull’integrazione fisica dell’obiettivo, che viene rinforzato dall’otto dell’infinito. Sei paia di muscoli, dietro al bulbo oculare, dirigono lo sguardo degli occhi in diverse direzioni, e fanno si che gli occhi focalizzino, in modo sincronizzato, un obiettivo comune. Le attività che precedono un riequilibrio kinesiologico possono evidenziare quando gli occhi non sono sincronizzati. Mentre un occhio focalizza l’obiettivo, l’altro non collabora. In situazioni di stress, sembra che solo un occhio possa gestire la situazione elaborando le informazioni visive legate allo stress, mentre l’altro occhio non partecipa.

L’otto dell’infinito allena perfettamente la coordinazione dei due occhi

L’otto dell’infinito mette in contatto e collega due sistemi; non ha né inizio né fine, perciò rinforza un continuo flusso di movimento. La figura a otto sostiene l’integrazione delle lettere nel flusso della parola, migliorando la cooperazione di entrambi gli occhi, delle braccia e delle mani, e rende possibile la riflessione sulle parole, tra l’emisfero sinistro e l’emisfero destro.

Un fenomeno: uno sguardo sull’organizzazione interiore di una persona

PICT1468

Fenomeno: il ragazzo guarda l’immagine solo con’l’occhio destro. La ‘presa forzata’ è segno di una compensazione monolaterale.

Osservare un fenomeno manifestarsi è una vera rivelazione. Quando vediamo  un bambino disegnare un otto dell’infinito, possiamo osservare diverse caratteristiche legate alla coordinazione del movimento.

Entriamo nel cuore di diversi stadi dello sviluppo evolutivo. Un bambino che è stato certificato maturo per la scuola, ha veramente raggiunto le competenze cognitive che gli permettono di interpretare le parole in modo soddisfacente per poter svolgere i compiti richiesti? Le competenze della motricità fine del bambino, sono sviluppate al punto di permettergli l’apprendimento della scrittura? E tanto da permettergli di svolgere il compito dello scrivere? E’ in possesso di una percezione sufficiente perché possa elaborare i numeri?

Guardando un bambino disegnare il simbolo dell’infinito,  possiamo perfettamente osservare il suo stato di coordinazione, così come il suo stato di sviluppo della memoria esplicita (dichiarativa) e implicita (procedurale). La nostra esperienza kinesiologica, ci insegna che possiamo sostenere questo sviluppo applicando gli esercizi dell’otto dell’infinito.

Le competenze scolastiche: leggere, scrivere e contare possono essere rinforzati dall’otto dell’infinito

Coordinazione del movimento: come organizziamo i nostri movimenti e le nostre azioni?

L'esercizio consiste nel disegnare un otto dell'infinito senza fermarsi. L'alunno gira il foglio nella direzione sbagliata e in questo modo diventa impossibile di disegnare l'otto dell'infinito su tutto il foglio. Possiamo presumere che ci sia un problema nel attraversare la linea mediana visiva.. Il pollice è molto rigido che indica che lo studente usa la mano "sbagliata" per scrivere. Non c'è flusso nel movimento.

L’esercizio consiste nel disegnare un otto dell’infinito senza fermarsi. L’alunno gira il foglio nella direzione sbagliata e in questo modo diventa impossibile di disegnare l’otto dell’infinito su tutto il foglio. Possiamo presumere che ci sia un problema nel attraversare la linea mediana visiva.. Il pollice è molto rigido che indica che lo studente usa la mano “sbagliata” per scrivere. Non c’è flusso nel movimento.

La coordinazione del movimento e l’ordine e l’organizzazione delle azioni motorie orientate verso un obiettivo o uno scopo specifico. (Mainel 1977)

L’ordine significa, in questo contesto, la congruenza di tutti i parametri motori nella rispettiva situazione.

Nel caso della lettura, della scrittura e dell’aritmetica, ciò corrisponde alla capacità di comprensione, di espressione, senso dello spazio e capacità di astrazione dei numeri  Esaminiamo il concetto della coordinazione motoria in relazione alle competenze scolastiche sopra elencate tenendo conto dello stato di sviluppo in base all’età.

La coordinazione motoria adeguata all’età, viene definita come collaborazione armoniosa ed altamente efficiente dei muscoli, dei nervi e dei sensi, che si traduce in azioni motorie equilibrate, così come nelle reazioni rapide, in risposta a situazioni specifiche (riflessi motori) – Kiphart 1982.

Considerando i compiti sopraindicati, uno studente deve aver avviluppato certe capacità per poter eseguire le competenze scolastiche.

Il termine “caratteristiche coordinative” è stato coniato per rendere più comprensibili tratti specifici all’interno della molteplicità dei diversi aspetti motori.

Quali di queste caratteristiche sono importanti affinché una persona possa con facilità leggere, scrivere e fare calcoli? Esistono altre caratteristiche oltre a queste cinque elencate.

Ritmo del movimento: per poter attribuire un significato alle parole scritte, lette e pronunciate, è necessario possedere un determinato ritmo individuale, come ad esempio l’intonazione nel parlare.

Flusso del movimento: necessità di connettere/formare sillabe e parole per comprendere ciò che si sta leggendo, scrivendo o recitando.

Velocità del movimento: aumentare gradualmente la velocità per arrivare ad una lettura fluida, ad una scrittura scorrevole e ad un’adeguata velocità nell’eseguire i calcoli.

Precisione del movimento: ogni singola parola, all’interno di una frase, è propriamente allineata ed è leggibile, sia per chi scrive sia per chi legge. Le regole di ordine ed orientamento sono riconoscibili.

Consistenza del movimento: la grandezza e l’ampiezza delle lettere diventano più costanti con l’età e la maturità. Questo è di aiuto ad un modello organizzativo; le forme costanti possono essere create e rappresentate. Le correzioni, inizialmente esagerate, risultanti in una calligrafia irregolare, diventano meno evidenti; il movimento diventa più armonioso ed uniforme.

Le competenze della motricità fine si sviluppano prima nelle femmine. I maschi hanno la tendenza ad acquisire le competenze della scrittura implicando i muscoli delle spalle e del braccio, anziché usare i movimenti delle dita e del polso. Questo sembra essere un modo più difficile per acquisire le competenze della scrittura, perché i movimenti che partono dalle grandi articolazioni delle parti superiori del corpo, non possono essere coordinate così precisamente come quelli che partono dalle dita e dal polso.

Lo sviluppo delle competenze della letto-scrittura

“Transfer negativo” nel cambiare le direzioni delle curve. La curva destra viene anticipata e “disturba”, perciò non è possibile disegnare prima una curva verso sinistra.

“Transfer negativo” nel cambiare le direzioni delle curve. La curva destra viene anticipata e “disturba”, perciò non è possibile disegnare prima una curva verso sinistra.

Nella fase iniziale della lettura, l’indice del bambino scivola sulla linea e guida gli occhi nel passaggio da lettera a lettera. Nella seconda fase, gli occhi tracciano la linea senza l’aiuto del dito. Il bambino impara gradualmente a comprendere le parole intere. Per fare ciò, il bambino deve aver sviluppato la capacità di creare un’immagine mentale delle sillabe o delle parole intere; inoltre, deve possedere una percezione spaziale per poter comprendere i numeri e le proporzioni.

Gli otto dell’infinito, disegnati dagli alunni nei progetti da me guidati a scuola, evidenziano che quei bambini, dichiarati pronti per la scolarizzazione, non erano capaci di disegnare un otto dell’infinito correttamente neanche dopo sei mesi di scuola. Ciò indica che questo tipo di movimento non è ancora fissato e immagazzinato nell’area della memoria motoria del cervello.

Talvolta  si può osservare come il movimento dell’otto dell’infinito può essere completato con successo per varie volte di seguito, ma non con la stessa consistenza e qualità: questo significa che è necessaria una pratica continua.

Stili e canali di apprendimento: visivo/uditivo/cinestesico

L’otto dell’infinito disegnato con la mano sbagliata e ad occhi chiusi evidenzia lo stato evolutivo, la rappresentazione interiore del movimento nella memoria infantile.

L’otto dell’infinito disegnato con la mano sbagliata e ad occhi chiusi evidenzia lo stato evolutivo, la rappresentazione interiore del movimento nella memoria infantile.

Gli otto dell’infinito possono assumere diverse forme: alcuni sono più voluminosi, altri sono magri, altri ancora asimmetrici. Dal modo in cui viene disegnato un otto dell’infinito, si può concludere quale senso venga maggiormente implicato.

Secondo la Programmazione Neurolinguistica, guardare in alto significa che il canale visivo è stato attivato; guardando invece da sinistra a destra e viceversa, viene attivato il canale uditivo; infine, guardando sotto la linea mediana orizzontale si stimola il canale cinestesico.

Se il punto d’incrocio dell’otto dell’infinito si trova sotto la linea mediana, lo studente ha utilizzato il canale visivo. Un otto simmetrico e armonioso indica l’uso del canale uditivo, mentre dei grandi cerchi al di sotto della linea mediana suggeriscono l’attivazione del canale cinestesico.

Considerando tutto questo, si potrebbe concludere che l’otto dell’infinito rivela il canale percettivo preferito del momento e potrebbe indicare in generale lo stile di apprendimento della persona.

“Rompere il cervello”

Preferenza cinestesica

Preferenza cinestesica

In uno dei miei progetti scolastici, gli allievi devono ripetere su un foglio di carta il movimento continuamente in un flusso infinito, come su una pista delle macchinine. Dalla posizione della mano e delle dita che tengono la matita, posso dedurre se scrivono con la mano dominante. L’emisfero espressivo, che fondamentalmente è responsabile per la scrittura e l’espressione, si trova sul lato opposto della testa rispetto alla mano scrivente. Possiamo comunque trovare una posizione compensatoria della mano, che appare normalmente nelle persone mancine quando scrivono con la destra: in questo caso, il cervello espressivo si trova dallo stesso lato della mano che scrive, e la mano appare come un gancio (il polso e invertito), oppure il pollice è particolarmente esteso alla sua base.

In passato, i mancini erano spesso costretti ad usare la mano destra: questa costrizione, nei Paesi anglosassoni, veniva chiamata “rompere il cervello”.

Preferenza visiva II primo otto dell'infinito è stato disegnato ad occhi aperti implicando il canale visivo; i successivi sono stati tracciati ad occhi chiusi. II sistema percettivo visivo non è capace di mantenere il controllo. Non c'è sufficiente rappresentazione mentale nella memoria, specialmente per quanto riguarda la memoria spaziale, per attraversare la linea mediana. Lavorando con entrambi i lati del cervello e del corpo si è in grado di creare un'immagine interiore del movimento.

Preferenza visiva
II primo otto dell’infinito è stato disegnato ad occhi aperti implicando il canale visivo; i successivi sono stati tracciati ad occhi chiusi. II sistema percettivo visivo non è capace di mantenere il controllo. Non c’è sufficiente
rappresentazione mentale nella memoria, specialmente per quanto riguarda la memoria spaziale, per attraversare la linea mediana. Lavorando con entrambi i lati del cervello e del corpo si è in grado di creare un’immagine interiore del movimento.

Si può facilmente immaginare come sia difficile mantenere la connessione tra l’emisfero sinistro e l’emisfero destro essendo sottoposti ad un simile stress.

Più lo studente viene coinvolto in questa costrizione, più diventa difficile per lui far emergere il suo pieno potenziale per quanto riguarda le proprie competenze scolastiche.

L’otto dell’infinito e uno strumento meraviglioso nella storia umana per il miglioramento delle prestazioni: uno strumento che da’ accesso al flusso della vita. Sicuramente non è un puro caso che sia stato adottato dalla Kinesiologia come strumento forte per far emergere il potenziale.

 

Bibliografia

Bandler R.: Neue Wege in die Kurzzeittherapie, Jungefernmann 2007
Birkenbiehl V: Jungen und Maedchen, wie sie lernen, Knauer 2005
Buchner C.: Brain Gym und Co, kinderleicht and Kind gebracht, VAK  1997
Dennison P. Switching on, Edu-Kinesthetics. Inc 1984
Dennison P. Brain Gym Teachers Edition, Edu Kinesthetics Inc, 2010
Ed. italiana: Brain Gym impara a muoverti, muoviti per imparare, La Tigulliana, 2014
Dennison P. Organizzazione cerebrale ottimale, Manuale del corso
Dillinger Ch: Gehirn-Koerper Spiele, unveroeffentlichtes Manual zum Schulprojekt “Lernen mit Aha Effekt”
Dornes M. Die fruehe Kindheit, Entwicklungspsychologie der ersten Lebensjahre, Fischer, 2009
Hannaford C: The Dominance Factor, how knowing your dominant eye, ear, brain, hand and foot can improve your learning,  Great Ocean Publishers, 1997
Kiphard E. J.: Bewegungs- und Koordinationsschwaechen im Grundschulalter, Hofmann 1982
Idem: Motopaedagogik Band 1, Verlag modernes Lernen, 1979
idem: Mototherapie 1 und 2, Verlag Modernes Lernen 1983
Leuner H: Lehrbuch Katathym imaginative Psychotherapie, Huber 2012
Meinel K.: Bewegungslehre, Volk und Wissen 1977
Thie J.F. Thie M.: Touch for Health, the complete edition, 2005
Wilson F.R.: The Hand, how its use shapes the brain, language and Human culture, Vintage Books, 1999

 

 

 

LA LETTURA E’ UN MIRACOLO di Paul Dennison

questo articolo, tradotto da Cinzia Campana, Consulente Edu-K, fu pubblicato nel blog http://heartsatplay.com/blog/blog-home/ di Paul e Gail Dennison. Ringrazio l’autore per il gentile permesso della traduzione e ripubblicazione

Paul-outdoors-head-280x300Nei miei 45 anni come insegnante di lettura  non mi sono mai  seduto accanto a un bambino e l’ho ascoltato decodificare i simboli o sondare parole. E questo perché, secondo me, ciò renderebbe  il codice più importante della  lingua che esso rappresenta.

Nei  miei centri di apprendimento i bambini erano sempre occupati a fare libri, raccontando storie che io annotavo per loro e per le quali  poi disegnavano immagini. A volte volevano ascoltare la lettura di questi libri, o di altri testi descrittivi e poetici, che io leggevo loro ad alta voce. Oppure potevano imparare a scrivere in corsivo, mentre annotavano  le proprie storie di vita per sè stessi. Questi bambini esercitavano attivamente le loro abilità visive, uditive, motorie e tattili e creavano vie per integrarle nel  proprio funzionamento.

Una grande parte di ciò che ci rende umani è il nostro desiderio di raccontare storie e comunque di esprimere noi stessi. Il linguaggio non  è un qualcosa da smontare, ma  serve per mettere insieme, è qualcosa con cui creiamo collegamenti con il nostro mondo. Attraverso la lunga storia del nostro pianeta ,i nostri antenati disegnarono  immagini che in seguito divennero  un alfabeto , al fine di registrare, ricordare e comunicare le loro esperienze. La lettura è il miracolo che deriva  da questi segni e simboli. I codici  sono stati creati e concordati per poter in seguito essere decodificati da altri, con lo scopo di tramandare la cultura di generazione in  generazione. Ogni bambino che impara a leggere e a scrivere ricrea questo miracolo.

Eppure l’umanità presume  da tempo  che la capacità di lettura sia intrinseca a tutti i bambini. Ci dimentichiamo che la lettura non è una funzione naturale con cui siamo nati, ma che deve essere appresa. Un bambino identificato come dislessico, cioè con una difficoltà percepita nell’imparare a leggere, non ha un problema medico, semplicemente non ha ancora sperimentato la relazione che ha il linguaggio con i propri disegni o segni sulla carta. Non ha ancora scoperto come inventare la sua personale  lettura e creare così il suo personale miracolo.

La lettura, la decodifica e la codifica neurale di simboli alfabetici scritti per il loro significato, è una invenzione umana che riflette come il cervello si riorganizza al fine di elaborare la parola scritta. “Gli esseri umani non sono mai nati per leggere “, scrive Maryanne Wolf, una neuroscienziata cognitiva della Tufts University ed esperta dello sviluppo del bambino, nel suo straordinario libro  “Proust e il Calamaro: la storia e la scienza  del cervello che legge “, che va a spiegare come si sia evoluta la lettura nel corso dei millenni, dalla decodifica dei  disegni rupestri, ai simboli che divennero un codice alfabetico, alle forme complesse delle frasi che leggiamo oggi.
La Wolf  comprende la lettura  come  facciamo noi in  Edu –K, come la creazione e la padronanza di un codice simbolico lessicale che rappresenta l’esperienza per il successivo ricordo o re- immaginazione. La lettura, un’abilità totalmente creata dall’uomo che ha contribuito a creare il cervello umano di oggi, comporta molto più che concentrarsi su un input  lineare, una parola o un fonema alla volta. La Wolf  suggerisce che “l’evoluzione della scrittura e lo sviluppo del cervello che legge ci danno una lente  notevole su noi stessi come specie, come  creatori di molte culture linguistiche orali e scritte e come singoli studenti con diverse e crescenti forme di intelligenza.”
Il cervello non ha né un centro né un’area  deputata alla funzione della lettura come invece ha  per  le funzioni di vedere, ascoltare, muovere e toccare. Il miracolo della lettura richiede l’interconnessione di molte aree neurali separate e specifiche. Attraverso un’esplorazione attenta dei simboli, ogni bambino  insegna a sé stesso come il suo cervello crea  automaticamente  queste connessioni.
Non tutti i bambini imparano nello stesso modo ed imparare a leggere sembra più facile per alcuni che per altri, proprio come i metodi per insegnare la lettura lavorano meglio con alcuni studenti  piuttosto che con  altri.



?????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????Xavier, 8 anni e in terza elementare, appariva brillante e curioso,
ma non
stava al passo con i suoi compagni di classe a scuola. Quando i suoi genitori lo portarono per farlo valutare privatamente, come livello in lettura, scrittura e ortografia sembrava essere più di un anno indietro. Dietro suggerimento hanno portato Xavier da me. Leggendo per me nel mio studio, dal suo libro scolastico di lettura, indicava una parola alla volta e la sondava, scandendo ogni sillaba attentamente come il suo insegnante gli aveva ordinato di fare. Quando gli è stato chiesto di ricordare e di raccontare ciò che aveva letto, era in grado di rammentare solo una o due parole isolate.

Durante la sua sessione Xavier ha scelto da un poster a parete le attività di Brain Gym® che voleva fare. Insieme abbiamo fatto il Cross Crawl, l’otto dell’infinito, la pompa del polpaccio, la flessione del piede,  l’attivazione del braccio  e l’aquila. Nel corso del processo, io ed i suoi genitori lo abbiamo visto passare da una postura passiva ad un modo più attivo di sostenere il suo corpo  e di parlare.
Per aiutarlo a  rendere la lettura più espressiva, ho invitato Xavier a fare amicizia con 15 delle sue parole preferite. Io ed i suoi genitori abbiamo condiviso la sua eccitazione mentre pensava le parole ed io le scrivevo per lui su delle schede: elefante, popcorn, aereo, zebra, e così via. Xavier ha accettato di tracciare ogni giorno le lettere di ciascuna parola con le dita, mentre avrebbe detto la parola ad alta voce e pensato al suo significato. Quel giorno, quando ci siamo salutati,  già riconosceva  le parole elefante e zebra a colpo d’occhio.

Dopo due settimane che tracciava le sue parole e faceva le attività di  Brain Gym® con i suoi genitori, Xavier è tornato nel mio studio pronto a leggere nuovamente per me . Ho potuto vedere, dal modo in cui si era seduto e teneva il suo libro, che ora stava sperimentando un miglior senso dell’equilibrio. Adesso era in grado di muovere gli occhi per seguire orizzontalmente attraverso il suo  campo visivo mediano, senza  un eccessivo movimento della testa. Stava leggendo in modo fluido, nello stesso modo in cui parlava, piuttosto che concentrarsi sui fonemi separati, senza sforzo e con entusiasmo e piena comprensione: questa è la mia definizione di comprensione della lettura. Abbiamo festeggiato un miracolo, mentre Xavier era ora in grado di riferire quello che aveva  letto con le sue parole. In che modo, i suoi genitori si chiedevano,  pochi semplici movimenti ed attività hanno potuto aiutare Xavier a  leggere in modo molto più efficace? Poiché apprendimento significa aggiungere il nuovo al vecchio, il flusso naturale dell’ imparare a leggere inizia con il riconoscimento di ciò che già sappiamo. Richiede  contemporaneamente il possesso ciò che è già familiare/appreso (memorizzato come un codice verbale)  ed il mettere in relazione la nuova informazione, in entrata, con quell’esperienza cui essa è associata.   La lettura è prima di tutto un flusso di linguaggio comunicativo. Le abilità visive, come puntare gli occhi su ogni parola, sono, anche se importanti, secondarie rispetto al processo mentale della lettura e devono essere  automatiche e senza stress, cosicchè i processi uditivo- linguistici  possano procedere senza inibizione. Il discorso espressivo deve sempre guidare,non seguire,  l’analisi visiva del codice.

La lettura efficace del codice come significato  richiede, proprio come è avvenuto per i nostri antenati, l’integrazione delle aree del cervello per l’abilità uditiva (dirlo), visiva (vederlo), cinestesica (scriverlo) e tattile (sentirlo), così come la capacità di interpretare le informazioni ricevute come significative mettendo in relazione la nuova esperienza con esperienze precedenti.
Quando gli studenti come Xavier sembrano dislessici,in quanto analizzano una progressione lineare  di    suoni sconnessi  di una parola o di una sillaba alla volta, e non sono ancora in grado di riconoscere immediatamente quei simboli all’interno di un contesto linguistico espressivo,essi sono persi  nei dettagli del decifrare il codice e non stanno nemmeno ad ascoltare il contenuto. Nel mio lavoro con i bambini diagnosticati come dislessici sottolineo che la lettura (e, di fatto, tutte le abilità nelle arti linguistiche, tra cui  scrittura e ortografia) viene sperimentata nel campo visivo mediano , dove è possibile accedere contemporaneamente  agli emisferi cerebrali destro e sinistro, sia per l’immediato riconoscimento del nuovo  che per la successiva, quasi simultanea, rottura neurale del codice per renderlo in un  linguaggio familiare.

Il miracolo della lettura richiede un riconoscimento immediato della  nuova informazione in un contesto significativo, seguito da una conferma dei simboli o del codice, non il contrario come di solito viene  insegnato. Così il flusso naturale dell’ apprendimento richiede una percezione nuova all’interno del contesto di  un’esperienza  precedente. Impariamo i simboli così bene che quasi mai li notiamo.
Come affermato dallo psichiatra e scrittore Iain McGilchrist nel suo libro The Master and His Emissary: The Divided Brain and the Making of the Western World la prima percezione  di qualsiasi cosa avviene attraverso l’emisfero destro finché essa rimane nuova . . . presto viene presa in carico dall’emisfero sinistro dove essa diventa familiare. La conoscenza del tutto è . . . seguita dalla conoscenza delle parti “.

I Already Know How to Read: A Child’s View of LiteracyPrisca Martens, 1996, Heinemann. Questo piccolo prezioso libro offre spunti della  Martens, come professoressa di educazione linguistica ,circa i suoi  tre anni di osservazione sull’esplorazione autodidatta di sua figlia Sarah della  lettura e della scrittura, nel periodo dai due ai cinque anni. Questo punto di vista può aiutarci a riconoscere i modi in cui i bambini (nel nostro mondo moderno, circondato da mezzi di comunicazione scritta) sono naturalmente alfabetizzati  e come essi  “inventerebbero” la scrittura e la lettura da soli, se gliene venisse  data l’opportunità. Campioni informativi di lettura e scrittura  presentano Sarah come una ricercatrice naturale che costruisce attivamente simboli.
Proust e il Calamaro: La storia e la scienza del cervello che legge, Maryanne Wolfe, © 2012 , Edizioni Vita e Pensiero.
The Master and His Emissary: The Divided Brain and the Making of the Western World,
© Iain McGilchrist, 2012, Yale University Press.
Crediti fotografici : ID 16450697 e 17770996 © Yuri Arcurs | Dreamstime.co
© 2013 by Paul E. Dennison . Tutti i diritti riservati

.
Brain Gym ® è un marchio registrato di Brain Gym® International / Educational Kinesiology Foundation .

L’APPRENDIMENTO IN MOVIMENTO

L’apprendimento è un processo che dura tutta la vita.  Situazioni di apprendimento si trovano in tante occasioni della vita quotidiana, non solo a scuola. Ognuno di noi sviluppa fin dalla nascita il suo  stile di apprendimento individuale ed unico. Una educazione olistica non può fare a meno di esplorare e capire  questa diversità degli stili di apprendimento per aiutare maglio gli altri a crescere.

Il movimento è un presupposto essenziale per l’apprendimento. Il feto sperimenta già nel grembo della madre le leggi della gravità. Basandosi su questa esperienza esso  sviluppa l’udito e la vista.

Ogni movimento è un processo senso-motorio che è legato alla nostra conoscenza esatta del mondo fisico su cui si basa tutto l’apprendimento nuovo. Fin dalla nascita siamo spinti all’apprendimento  infatti il neonato impara a camminare passando dalla posizione sdraiata a quella seduta , al gattonare fino a stare in piedi.

L’apparato vestibolare responsabile del mantenimento dell’equilibrio, è collegato  con i muscoli principali della schiena e dell’addome. Il loro primo lavoro consiste nell’alzare la testa. Questo permette al neonato di udire e vedere meglio. Nella posizione eretta o sdraiata sulla pancia il bambino rinforza attivamente i suoi muscoli della nuca. Il neonato esplora mani e piedi con la bocca e fa “giocare” i muscoli dei suoi arti. La libertà di movimento è molto importante per lui. Se il bambino salta la fase del gattonare  si possono manifestare più tardi delle difficoltà di apprendimento per esempio nella lettura. Il gattonare come movimento incrociato stimola lo sviluppo del corpo calloso quindi dei neuroni tra  i due emisferi. In questo modo collaborano i due lati del corpo incluso le braccia, le gambe, le orecchie e gli occhi.

Gli organi sensoriali (occhi, orecchie, naso e lingua)si orientano secondo l’input dato dall’ambiente con ogni movimento della testa. I piccoli movimenti degli occhi permettono la vista tridimensionale e a lunga distanza, la percezione periferica e la focalizzazione su piccole lettere. Il movimento prepara anche alla percezione uditiva ed olfattiva.

La memoria muscolare del corpo è impregnata della conoscenza dei processi di movimento (sedere, camminare, correre e la consapevolezza spaziale).

Attraverso il movimento esprimiamo sul nostro viso emozioni come  gioia, tristezza, rabbia, e così entriamo in interazione con gli altri.

Recenti ricerche hanno rilevato che due settori nel cervello, il ganglio basilare e il cervelletto, ai quali venivano attribuiti solo il commando del movimento dei muscoli, sono importanti anche per la coordinazione dei pensieri. Questi settori sono collegati con i lobi frontali, dove viene pianificato il comportamento futuro nel suo processo logico e temporale.

Dietro ogni lettera e ogni cifra scritta c’è un movimento. Lettere e cifre vengono percepite ed ancorate nella muscolatura e trovano espressione nel movimento della scrittura.

Ogni talvolta che facciamo dei movimenti mirati il cervello viene attivato e gli emisferi si integrano. Così si apre da sé la strada per l’apprendimento.

L’apprendimento implica la costruzione delle abilità. Ogni tipo di abilità si sviluppa attraverso il movimento dei muscoli. La scrittura si manifesta attraverso il movimento della mano e contemporaneamente si innesca un processo di pensieri.

Le parole pronunciate, causate da numerosi muscoli facciali della lingua e delle corde vocali, ci permettono di mettere ordine e sviluppare i nostri pensieri.

Tante persone possono pensare meglio quando fanno un’attività fisica come nuotare o camminare. Altri invece devono masticare qualcosa come una penna, una carota o una gomma per pensare meglio. Quindi il movimento aiuta  a sviluppare i pensieri e di conseguenza l’apprendimento.

E per finire: lo sapevate che solo gli organismi che si muovono da un posto all’altro, hanno un cervello? L’ascidia, una piccola creatura marina, ha un cervello e una corda nervosa per controllare i movimenti. In fatti nella prima parte della sua vita sguazza nel mare e quando è maturo  si attacca permanentemente ad una roccia e comincia letteralmente “mangiarsi” il cervello e la corda nervosa, perché non servono più.

BRAIN GYM, la ginnastica per il cervello

CHE COS’È LA KINESIOLOGIA EDUCATIVA?

Kinesiologia significa scienze del movimento e la kinesiologia educativa implica lo studio dei movimenti naturali per facilitare processi di apprendimento attraverso una serie di attività fisiche che aiutano ad integrare il cervello in modo ottimale per immagazzinare le informazioni nuove. La kinesiologia educativa è un processo di ri-educazione del sistema corpo-mente per migliorare le proprie prestazioni e le proprie potenzialità a livello pscio-fisico.
La kinesiologia educativa, sviluppata dai coniughi  Dr. Paul  e Gail Dennison dagli anni 70 in poi, comprende i metodi Brain Gym® e Vison Gym® (Ginnastica per una visione più integrale) composti da una serie di esercizi per il proprio miglioramento nell’apprendimento che possono essere insegnati in gruppi di tutte le età. Le 7 dimensioni dell’intelligenza vengono sperimentate con istruttori accreditati in un rapporto di facilitazione uno a uno.

CHE COS’ È IL BRAIN GYM®?

Teencopiapiccola copiaBrain Gym® è  un marchio registrato per un metodo.che consiste in una serie di movimenti per lo sviluppo senso-motorio e si basa su più di 80 anni di ricerca nel campo del educazione, della psicomotricità e della neurologia. Gli esercizi di Brain Gym® sono stati  oggetto di numerose ricerche, studi nel campo e studi clinici per il miglioramento di capacità di apprendimento, della comunicazione, organizzazione e concentrazione con bambini e adulti.

Gli esercizi di Brain-Gym® possono essere applicati facilmente in qualsiasi situazione di apprendimento per migliorare l’integrazione emisferica nella sua totalità. Dennison infatti distingue nel suo modello 3 dimensione del cervello.

  • la lateralità è la capacità di attraversare la linea mediana, elaborare un testo scritto da sinistra a destra e viceversa, la coordinazione occhio-mano, udire con entrambe le orecchie, in breve di svolgere tutte le attività che necessitano l’uso di entrambi gli emisferi. Dislessia e discalcolia sono spesso risultati di una  difficoltà ad attraversare la linea mediana (un concetto astratto che descrive la capacità di focalizzare nel campo visivo centrale, là dove L’immagine visivo si sovrappone e gli occhi devono convergere per creare un immagine unico).
  • La focalizzazione è la capacità di attraversare la linea auricolare verticale che divide il cervello anteriore, dove vengono prese le decisioni legate al pensiero conscio associativo, da quello anteriore (la sede della memoria e dei riflessi). Alunni che non sono focalizzati vengono spesso classificati come iperattivi, deconcentrati e ritardati nell’apprendimento.
  • La centratura è la capacità di attraversare la linea che divide l’aspetto emozionale dal pensiero astratto, situate rispettivamente nel cervello mediano e nei lobi frontali. L’incapacità di essere centrato porta ad una reazione di attacco o fuga oppure di paura irrazionale, oppure all’incapacità di esprimere emozioni.

Gli esercizi di Brain Gym® aiutano a riequilibrare le energie bloccate nelle 3 dimensioni per accedere meglio al pieno potenziale cerebrale necessario per un apprendimento integrale e senza stress.

Il metodo Brain Gym® si basa su 3 principi fondamentali, ma semplici che Paul Dennison formula così:

  • l’apprendimento è un attività naturale e divertente che dura tutta la vita
  • Un blocco di apprendimento è l’incapacità di affrontare lo stress e l’insicurezza legato all’apprendimento di un nuovo compito.
  • Siamo tutti bloccati nell’apprendimento, nella misura in cui abbiamo imparato a non muoverci.

Brain-Gym® può essere utilizzato facilmente e senza perdita di tempo per aumentare il potenziale di apprendimento nella classe e in altre situazioni lavorative.

Imparare o lavorare senza stress sembra quasi essere una provocazione. L’apprendimento nella mente comune, è sinonimo di stress e fatica. Quando siamo stressati, il cervello, composto da due emisferi che collaborano normalmente bene insieme, non funziona più nella sua totalità. Le energie vengono assorbite dal sistema di sopravvivenza e non possono circolare liberamente per alimentare tutte le parti del cervello. Si crea così un blocco che può essere superato per esempio con esercizi e movimenti che mirano all’incrocio della linea mediana del corpo. Il movimento incrociato o cross-crawl, (come camminiamo naturalmente – braccio destro e piede sinistro in avanti e viceversa) “risveglia” l’emisfero non-dominante e stimola così la collaborazione tra i due emisferi necessario per imparare o lavorare efficacemente.

Per saperne di più consultate il sito www.sigridloos.com o scrivere a info@sigridloos.com per informazioni su corsi e sedute individuali.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: