movimenti per la mente in movimento

Italien verbreitet Botschaft Alles Wird Gut, Menschen singen auf ihren Balkonen Mailand 14.03.2020 Schmuckbild, Symbolbi

© imagoimages

Questo articolo di Mathias Horx, rinomato futurologo tedesco del “Institut fuer Zukunftsforschung” con sede a Francoforte sul Meno e a Viennami fu consigliato da un amica tedesca. Sono rimasta talmente entusiasta dal contenuto che ho chiesto il permesso di tradurlo e pubblicarlo sul mio blog. Ringraziol’autore per la gentile concessione di pubblicazione. Ecco le parole di Matthias Horx

In questo periodo mi viene chiesto spesso quando il Corona “sarà finito” e tutto tornerà alla normalità. La mia risposta: mai. Ci sono momenti storici in cui il futuro cambia direzione. Li chiamiamo biforcazioni. O crisi profonde. Questi momenti sono adesso.

Il mondo come lo conosciamo si sta dissolvendo. Ma dietro arriva subito un nuovo mondo, la cui formazione possiamo almeno immaginare. Per questo vorrei offrirti un esercizio con il quale abbiamo avuto buone esperienze nei processi di visione presso le aziende. Lo chiamiamo RE-VISIONE. Contrariamente alla PRE-VISIONE, non guardiamo al futuro con questa tecnica, ma dal futuro RITORNIAMO ad oggi. Sembra una cosa da pazzi? Proviamolo!

La RE-VISIONE: il nostro mondo nell’autunno 2020

Immaginiamoci una situazione nell’autunno, diciamo a settembre 2020. Siamo seduti in un caffè all’aperto in una grande città. Fa caldo e in strada ci sono tante persone.  Si muovono diversamente? Tutto è come prima?

Guardando indietro, che cosa ci sorprenderebbe?

Saremo sorpresi dal fatto che i sacrifici sociali che abbiamo dovuto fare, raramente hanno portato all’isolamento. Al contrario. Dopo uno shock iniziale, molte persone si sono persino sentite sollevate dal fatto che le tante corse, i discorsi e la comunicazione mediatica si fossero interrotti improvvisamente. La rinuncia non significa necessariamente perdita, ma può anche aprire nuove possibilità. Alcuni l’hanno già sperimentato – ad esempio provando il digiuno a intervalli – e improvvisamente si sono goduti nuovamente il cibo. Paradossalmente, la distanza fisica forzata dal virus ha anche creato una nuova vicinanza. Abbiamo incontrato persone che altrimenti non avremmo mai incontrato. Abbiamo contattato i vecchi amici più spesso, rafforzando i legami che si erano allentati. Famiglie, vicini, amici si sono avvicinati e talvolta hanno persino risolto conflitti nascosti.

La cortesia sociale che in precedenza ci mancava è aumentata sempre di più.

Ora, nell’autunno 2020, c’è un’atmosfera completamente diversa durante le partite di calcio rispetto a un anno prima, quando c’era molta rabbia di massa. Ci chiediamo perché sia così.

Rimarremo stupiti dalla rapidità con cui le tecniche della cultura digitale si sono improvvisamente dimostrate praticabili. Le teleconferenze e le video chiamate, a cui la maggior parte dei colleghi ha sempre resistito (il piano aziendale era migliore), si sono rivelate piuttosto pratiche e produttive. Gli insegnanti hanno imparato molto sull’insegnamento a distanza. Lo smart working è diventato una cosa ovvia per molti, inclusa la capacità di improvvisazione e di sapersi giostrare il tempo risparmiato.

Allo stesso tempo, norme culturali apparentemente obsolete hanno vissuto un rinascimento. All’improvviso non risponde più la segreteria telefonica quando chiami, ma persone reali. Il virus ha generato una nuova cultura di lunghe telefonate senza un secondo fine. I “messaggi” stessi hanno improvvisamente assunto un nuovo significato. Si comunicava davvero di nuovo. Nessuno doveva più aspettare a lungo per avere una risposta. Nessuno è stato più tagliato fuori. Ciò ha creato una nuova cultura dell’accessibilità. Dell’impegno.

Le persone che non si sono mai riposate a causa del ritmo frenetico della loro vita, compresi i giovani, hanno improvvisamente fatto lunghe passeggiate (parola che prima era quasi sconosciuta). Leggere libri è diventato improvvisamente un culto.

I reality show improvvisamente sono sembrati imbarazzanti. Tutta la spazzatura da quiz, l’infinita spazzatura dell’anima che scorreva attraverso tutti i canali. No, non erano completamente scomparsi. Ma stavano rapidamente perdendo valore.

Qualcuno si ricorda la disputa sulla correttezza politica? L’infinito numero di guerre culturali su … di cosa si trattava?

Le crisi funzionano principalmente dissolvendo i vecchi fenomeni, rendendoli superflui …

Il cinismo, questo modo di tenersi il mondo a distanza svalutandolo, fu improvvisamente visto come esagerato.

L’eccesso di paura e isteria nei mass-media è stata limitata dopo un breve primo scoppio.

Inoltre, l’infinita inondazione di film e serial violenti ha raggiunto il suo punto di svolta.

Saremo sorpresi del fatto che in estate sono stati trovati farmaci che hanno aumentato il tasso di sopravvivenza. Si è abbassato il tasso di mortalità e il Corona è diventato un virus che dobbiamo solo affrontare, proprio come l’influenza e molte altre malattie. Il progresso medico è stato d’aiuto. Ma abbiamo anche imparato che il fattore decisivo non è stato tanto la tecnologia, ma il cambiamento nel comportamento sociale. Il fattore decisivo è stato il fatto che le persone hanno potuto rimanere solidali e costruttive nonostante le restrizioni radicali. L’intelligenza umano-sociale ci ha aiutato. L’intelligenza artificiale tanto decantata, nota per essere in grado di risolvere tutto, ha avuto solo un effetto limitato sul Corona.

Questo ha spostato il rapporto tra tecnologia e cultura. Prima della crisi, la tecnologia sembrava essere la panacea, la portatrice di tutte le utopie. Nessuno – o solo poche persone testarde – credono ancora oggi nella grande redenzione digitale. Il grande clamore tecnologico è finito. Stiamo di nuovo rivolgendo la nostra attenzione alle domande umane: che cos’è l’uomo? Cosa siamo gli uni per gli altri?

Ci stupiremo di vedere quanto umorismo e umanità siano effettivamente emersi nei giorni del virus.

Saremo sorpresi di quanto l’economia possa ridursi senza che si verifichi qualcosa di simile al “collasso”, sventolato prima di ogni piccolo aumento delle tasse e di ogni intervento del governo. Sebbene ci sia stato un “aprile nero”, una profonda recessione economica e un crollo del mercato azionario del 50%, anche se molte aziende sono fallite, si sono ridotte o mutate in qualcosa di completamente diverso, non sono mai arrivate a zero. Come se l’economia fosse un essere alitante che può anche sonnecchiare o dormire e persino sognare.

Oggi in autunno, c’è di nuovo un’economia globale. Ma la produzione globale del tutto-subito, con enormi catene del valore ramificate, in cui milioni di singole parti vengono trasportate attraverso tutto il pianeta, è superata. Attualmente è in fase di smantellamento e riconfigurazione. Le strutture di deposito temporaneo, i magazzini e le scorte stanno di nuovo crescendo ovunque nelle aziende di produzione e di servizi. Le produzioni locali sono in forte espansione, le reti sono localizzate e l’artigianato sta vivendo un momento di rinascita. Il sistema globale si sta spostando verso la “G-localizzazione”: localizzazione del globale.

Saremo sorpresi del fatto che anche la perdita di beni dovuta al crollo del mercato azionario non sia stata così dolorosa come si temeva all’inizio. Nel nuovo mondo, la ricchezza improvvisamente non gioca più il ruolo decisivo. I buoni vicini e un orto in fiore sono più importanti.

Potrebbe essere che il virus abbia cambiato la nostra vita in una direzione in cui lei stessa avrebbe voluto cambiare comunque?

 

RE-VISIONE: far fronte al presente attraverso un salto nel futuro

Perché questo tipo di “scenario che abbiamo di fronte” sembra così irritante e diverso da una previsione classica? Questo è legato alle proprietà specifiche del nostro “senso del futuro”. Quando guardiamo “verso il futuro”, vediamo principalmente solo i pericoli e i problemi “che vengono verso di noi”, che si accumulano in barriere insormontabili. Come una locomotiva fuori dal tunnel che ci investe. Questa barriera della paura ci separa dal futuro. Ecco perché è sempre più facile immaginarci un futuro terrificante!

D’altra parte, le VISIONI formano un ciclo di conoscenza, in cui includiamo noi stessi, il nostro cambiamento interiore, nei conti che facciamo col futuro. Ci connettiamo interiormente con il futuro e questo crea un ponte tra oggi e domani. Ci creiamo una “mente futura”.

Se lo fai nel modo giusto, viene creato qualcosa come l’intelligenza futura. Siamo in grado di anticipare non solo gli “eventi” esterni, ma anche gli adattamenti interni con cui reagiamo a un mondo cambiato.

Questo sembra molto diverso da una pre-visione che ha sempre qualcosa di morto, sterile nel suo carattere inconfutabile. Lasciamo la rigidità della paura e torniamo alla vitalità che appartiene a ogni vero futuro.

Conosciamo tutti la sensazione di aver superato con successo la paura. Quando andiamo dal dentista per un trattamento, ce ne preoccupiamo già in anticipo. Perdiamo il controllo sulla poltrona del dentista e il dolore arriva prima che ci faccia realmente male. Nell’anticipare questa sensazione, ci crogioliamo nelle paure che possono completamente sopraffarci. Tuttavia, una volta sopravvissuti, c’è una sensazione di risposta: il mondo sembra di nuovo giovane e fresco e improvvisamente siamo pieni di entusiasmo per l’azione.

Coping” significa: affrontare. Dal punto di vista neurobiologico, la paura dell’adrenalina viene sostituita dalla dopamina, un tipo di farmaco endogeno per il futuro. Mentre l’adrenalina ci porta a fuggire o combattere (che non è realmente produttivo sulla sedia del dentista, né nella lotta contro il Corona), la dopamina apre le nostre sinapsi cerebrali: siamo entusiasti di ciò che sta arrivando, curiosi, lungimiranti. Quando abbiamo un livello di dopamina sano, facciamo piani e abbiamo visioni che ci portano all’azione a lungo termine.

Stranamente, molti sperimentano esattamente questo nella crisi del Corona: una massiccia perdita di controllo si trasforma improvvisamente in una vera ebbrezza del positivo. Dopo un periodo di stordimento e paura, sorge una forza interiore. Il mondo “finisce”, ma nell’esperienza dell’essere ancora lì, ci sorge dentro una sorta di percezione di essere “nuovi”.

Nel pieno della chiusura della civiltà, attraversiamo foreste o parchi, o attraversiamo spazi quasi vuoti. Questa non è un’apocalisse, ma un nuovo inizio.

Ecco come si presenta: il cambiamento inizia come un mutato modello di aspettative, percezioni e connessioni del mondo. A volte è proprio l’interruzione con la routine, il familiare, che libera di nuovo il nostro senso del futuro. L’idea e la certezza che tutto potrebbe essere completamente diverso, anche in meglio.

Potremmo anche essere sorpresi del fatto che Trump perderà le elezioni a novembre. Alcune ideologie mostrano gravi fenomeni di sfilacciamento, perché una politica malevola e separatista non si adatta a un mondo-corona. La crisi del Corona ha chiarito che chi vuole mettere le persone l’una contro l’altra non ha nessuno strumento per contribuire a reali domande sul futuro. Quando le cose si fanno serie, emerge chiaramente il distruttivo che vive nel populismo.

La politica nel suo senso originale – come formazione di responsabilità sociali – ha ricevuto da questa crisi una nuova credibilità, una nuova legittimità. Proprio perché ha dovuto agire in modo “autoritario”, la politica ha creato fiducia nel sociale. La scienza ha anche sperimentato un sorprendente rinascimento nel momento della crisi di libertà vigilata. I virologi e gli epidemiologi sono diventati star dei media, ma anche filosofi, sociologi, psicologi, antropologi “futuristi”, che in precedenza erano ai margini dei dibattiti polarizzati, hanno riacquistato voce e peso.

Le notizie false hanno rapidamente perso valore di mercato. Anche le teorie del complotto sono andate improvvisamente fuori mercato, pur venendo continuamente riproposte come vino andato a male.

 

Un virus come acceleratore dell’evoluzione

Le crisi profonde indicano anche un altro principio di base del cambiamento: la sintesi di tendenza/ controtendenza.

Il nuovo mondo dopo il Corona – o meglio con il Corona – nasce dall’interruzione del megatrend della connessione. Politicamente ed economicamente, questo fenomeno è anche chiamato “globalizzazione”. L’interruzione dei collegamenti – attraverso chiusure di frontiere, separazioni, requisizioni, quarantene – non porta all’abolizione delle connessioni. Ma occorre riorganizzare i connettori che tengono insieme il nostro mondo per portarlo nel futuro. C’è un salto di fase nei sistemi socio-economici.

Il mondo a venire apprezzerà di nuovo la distanza – e questo renderà la connessione di maggior qualità. Autonomia e dipendenza, apertura e chiusura, vengono riequilibrate. Questo può rendere il mondo più complesso, ma anche più stabile. Questa trasformazione è in gran parte un processo evolutivo alla cieca – perché si fallisce, prevale il nuovo, praticabile. Questo all’inizio ti fa girare la testa, ma poi mostra il suo significato interiore: è sostenibile solo ciò che collega i paradossi a un nuovo livello.

Questo processo di “complessificazione” – da non confondere con la complicazione – può anche essere progettato consapevolmente dalle persone. Coloro che possono, che parlano la lingua della complessità imminente, saranno i leader di domani. I portatori di speranza. Le prossime Gretas.

 

“Attraverso il Corona adatteremo il nostro intero atteggiamento nei confronti della vita – nel senso della nostra esistenza come esseri viventi in mezzo ad altre forme di vita.”

Slavo Zizek al culmine della crisi del Corona a metà marzo.

 

Ogni crisi profonda lascia una storia, un racconto che guarda lontano nel futuro. Una delle visioni più forti lasciate dal coronavirus sono gli italiani che fanno musica sui balconi. La seconda visione ci viene inviata da immagini satellitari che mostrano improvvisamente le aree industriali della Cina e dell’Italia prive di smog. Nel 2020, le emissioni di CO2 provocate dall’uomo diminuiranno per la prima volta. Questo fatto servirà a qualcosa.

Se il virus può farlo, possiamo farlo anche noi? Forse il virus era solo un messaggero del futuro. Il suo messaggio drastico è: la società umana è diventata troppo densa, troppo veloce, surriscaldata. Sta correndo troppo in una certa direzione in cui non c’è futuro.

Ma si può reinventare.

Possiamo resettare il sistema.
Possiamo rinfrescarci!
Musica sui balconi!

Ecco come funziona il futuro.”

Questo articolo è apparso per la prima volta in tedesco a questo link:

Die Welt nach Corona

Per leggere altri articoli di Matthias Horx in tedesco o inglese:

Die Zukunft nach Corona

Il Blog di Matthias Horx

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: