movimenti per la mente in movimento

Archivio per dicembre, 2015

L’arte del Disegno a Specchio porta armonia emozionale in pazienti affetti da ictus

La stanza degli ospiti
Liisa Korhonen, Helsinki, Finlandia, Insegnante di Brain Gym® 

woods1-006-225x300

Nel 2014 ho  partecipato ad un corso a Helsinki sul disegnare a due mani chiamato Double Doodle Play, una finestra per la visione integrata¹, gestita da Glenys Leadbeater della Nuova Zelanda. Durante il corso Glenys, ci raccontò che, come infermiera, usava spesso il Disegno a Specchio come strumento riabilitativo. Così, seguendo il suo esempio, ho cominciato a disegnare a due mani con mia sorella più giovane. Ritva ha 68 anni e dopo un ictus, nel 2010, le è stata diagnosticata l’emiplegia, l’afasia, l’epilessia e quant’altro. Dato che ha perso la sua lingua madre, il finlandese, parla ora in “emozionalese”.

1st-picture1-176x300

Ho scelto per il nostro lavoro dei fogli robusti del formato 56 x 65 cm. Mentre Ritva usa la matita o il pennello nella mano sinistra, io guido la sua mano destra per specchiare ciò che lei disegna. Ora potevo comprendere meglio l’importanza del tracciare segni di cui Gail Dennison parla nel manuale del corso del Disegno a Specchio. In questo caso direi che l’attività più costruttiva stava nella nostra pianificazione ed esecuzione del movimento. Questa prima immagine è stata realizzata nel 2014 e da allora abbiamo continuato a disegnare a specchio.

Il nostro passo successivo era il gioco dei nove punti (entrambe le immagini sono state disegnate nel  febbraio 2015). Per iniziare:

2nd-picture-300x185

distribuisco nove punti in modo simmetrico sul foglio. In seguito cominciamo a “negoziare” le direzioni. Proseguiamo in questo modo su metà del foglio, poi giro il foglio per alleviare la tensione del braccio destro di Ritva e continuiamo sull’altra metà del foglio. Nei prodotti finali si possono vedere i contributi di Ritva in diagonale.

Per un certo tempo, l’aspetto emozionale del tracciare segni divenne dominante. Ritva è diventata autocritica e, dal momento che lei voleva evitare degli stati d’animo negativi, la sua volontà di disegnare a specchio si placava.

2-Ritva-February-Nines-300x169

“Perché il cambiamento delle lettere provoca così tanto sentimento?” ha chiesto un giornalista quando la televisione finlandese ha mostrato l’ultima modifica di tipo di caratteri per le scuole. Il progettista dei caratteri si riferiva all’esperienza personale che dura tutta la vita nell’usare i caratteri nella scrittura a mano.

May-Nines-with-Ritva

Scrivere crea una relazione intima con segni e lettere e di conseguenza con tutta l’umanità, dice Gail Dennison nel manuale. Dopo la mia esperienza con Ritva vedrei anche lo sviluppo emozionale come aspetto indipendente in questo processo del Disegno a Specchio.

In maggio l’uso di grandi pennelli e delle tempere ha apportato un cambiamento positivo ai lavori del Disegno a Specchio di Ritva. Come potete constatare, i disegno sono diventati più armonici.

4-Ritva-the-May-Nines

Questa armonia dei nove punti è stata accompagnata da un atteggiamento generale più positivo. Se Ritva si sentiva sola e mi chiamava per lamentarsi, accettava  sempre la mia risposta, lei era l’unica persona che poteva controllare le sue emozioni. Secondo i suoi amici il suo “emoziona lese” è diventato più sfumato.

027-191x300

 

9-Ritva-July-Face-Version-2

In luglio abbiamo fatto il nostro primo ritratto di un viso molto espressivo. E’ stato il mio compleanno ,tutti e due eravamo di buon umore, ciò si riflette nel volto che abbiamo disegnato.

July-Nines-with-Ritva-260x300

I nove punti di luglio mostrano anche dei cambiamenti consistenti. Sono contenta di poter dire che l’effetto equilibrante del Double Doodle Play continua ad aver un impatto positivo sull’umore di Ritva anche se non abbiamo molto tempo di disegnare a due mani.

7-Ritva-July-the-eleventh-300x196

Credo che il piacere di guardare degli oggetti belli, infatti tutti gli oggetti, continua a crescere per lei e per me.

Grazie di cuore Gail e Glenys!

8-Ritva-July-the-twelfth

Liisa Korhonen ha 76 anni ed è un insegnante di Brain Gym e una psicologa a Helsinki, Finlandia. Liisa dice: “Brain Gym è stato la mia passione fin dal 1990 e il corso del Double Doodle Play è la mia ultima. Mi piace particolarmente perché ci dà la possibilità di praticare uno stato libero dallo stress.”

Il Disegno a Specchio fa parte delle 26 attività descritte del libro Brain Gym Impara a muoverti, muoviti per imparare di Paul e Gail Dennison, edito da Tigulliana Edizioni, 2014

© 2015 Liisa Korhonen, tutti i diritti sono riservati.

¹questo corso è stato sviluppato da Gail Dennison e fa parte del percorso di formazione della Kinesiologia educativa (Edu-K)

Questo articolo è stato pubblicato in inglese su Hearts at Play. Ringrazio l’autrice e Gail Dennison per il  permesso di tradurlo e pubblicarlo sul mio blog.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: